Gli Ainu contro il Giappone

Quando entrarono nella storia, gli Ainu vivevano nelle isole di Hokkaido e Sakhalin nel nord del Giappone, nelle isole Curili e in Kamchakta. Cacciavano, pescavano i salmoni e costruivano i loro villaggi lungo i fiumi o in riva al mare. Si vestivano con pelli di animali, panno di corteccia e fibra di ortica, decorando i loro abiti tradizionali con caratteristici motivi geometrici. Sulla loro origine ci sono due teorie. La prima è che gli Ainu provenissero dalle terre asiatiche settentrionali che furono in seguito abitate da mongoli e da cinesi. La seconda è che i loro antenati siano arrivati della Polinesia, perché con gli abitanti dell’Oceania, gli Ainu hanno molte somiglianze per quanto riguarda abbigliamento, rituali, religione e tatuaggi.5d2861fc15e9f9605f362aa3

Ciò che è noto per certo, è che gli Ainu furono i primi nativi delle isole giapponesi, anche se in Giappone questo fatto non è molto popolare e a lungo è stato tenuto nascosto. Con gli Ainu, i giapponesi ebbero una lunga faida territoriale. Gli Ainu persero una battaglia dopo l’altra, poiché non avevano uno stato o un esercito strutturato, e furono costretti ad arretrare, rifugiandosi sempre più a nord. Ciononostante, nel medioevo il Giappone era ancora per metà abitato dagli Ainu. Continua a leggere