Non c’è pace per il lupo

Lo United States Fish and Wildlife Service (FWS) è una agenzia del Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti che si occupa della gestione e conservazione della fauna selvatica.Secondo le sue stime circa 5000 lupi grigi e non più di 300 lupi grigi messicani sono oggi presenti negli Stati Uniti. Ciò si deve al fatto che nel 1978, quando solo meno di 1000 lupi erano sopravvissuti allo sterminio dei secoli precedenti, la specie fu dichiarata protetta. Lo scorso 9 marzo, in occasione della conferenza annuale sulla fauna selvatica e le risorse naturali del nord America, David Bernhardt, segretario ad interim del Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti, ha detto ai responsabili della fauna selvatica degli stati, riuniti a Denver in Colorado, che il Dipartimento dell’Interno proporrà di rimuovere lo status di specie a rischio di estinzione dei lupi grigi. “Le nostre priorità sono le priorità del presidente”, ha detto Bernhardt nel suo discorso. “Molti dei nostri esperti ritengono che il lupo non abbia più bisogno delle protezioni previste dalla legge sulle specie in via di estinzione”. Continua a leggere

Pubblicato in News

Gli esperti delle Nazioni Unite sono preoccupati per le nuove norme italiane anti immigrati

Pubblichiamo la traduzione del comunicato stampa del 21 novembre 2018 emesso dell’Ufficio dell’Alto Commissario per i Diritti Umani delle Nazioni Unite.

GINEVRA (21 novembre 2018) – Gli esperti (Relatori Speciali) delle Nazioni Unite per i diritti umani * hanno detto che l’Italia ha proposto di inasprire le norme sull’immigrazione avrà un grave impatto sulla vita dei migranti e sono di grave preoccupazione, invitando il governo a invertire la rotta.

“L’abolizione dello status di protezione umanitaria, l’esclusione dei richiedenti asilo dall’accesso ai centri di accoglienza incentrati sull’inclusione sociale e la durata prolungata della detenzione nei centri di rimpatrio e negli hotspot minano fondamentalmente i principi internazionali dei diritti umani e condurranno certamente alla violazioni di diritti umani previsti dalla legge internazionale”, hanno detto gli esperti indipendenti.

Il 7 novembre, il Senato italiano ha convertito in legge il decreto sull’immigrazione e la sicurezza, che dovrebbe essere approvato alla fine del mese dalla Camera dei Deputati, la camera bassa del parlamento. Da quando è entrato in carica nel giugno 2018, il nuovo governo italiano ha implementato le misure anti-migranti che ne favoriscono l’esclusione che aveva promesso. “La rimozione delle misure di protezione per potenzialmente migliaia di migranti e la limitazione della loro capacità di regolarizzare la loro permanenza in Italia aumenterà la loro vulnerabilità agli attacchi e allo sfruttamento. Saranno maggiormente a rischio di cadere in mano ai trafficanti e altri gruppi criminali e molti non avranno i mezzi per soddisfare i loro bisogni di base con mezzi leciti. Continua a leggere

Pubblicato in News

Quando la Natura ci Dice: Basta!

In occasione della giornata chiamata “M’illumino di Meno” e dell’ennesimo dei “Fridays for Future” che vede protagonisti ragazzi di tutti i paesi europei che lottano per salvare il pianeta dagli effetti nefasti del modello di sviluppo fin qui seguito, riceviamo e volentieri pubblichiamo un interessante e articolato contributo di Giovanni Panza.

Quando la Natura ci Dice:  Basta! 

Sappiamo Solo Arrabbiarci?

Disastri climatici, scienze naturali e popolazioni indigene

Elementi per una filosofia non antropocentrica e una religiosità integrata basate nella natura

di Giovanni Panza

 

Introduzione

Questo pianeta blu, o minuscolo pianetuccolo sperduto tra miliardi di miliardi di galassie disabitate, è in crisi, sta male e tra un attimo potrebbe rendere la vita dei grandi mammiferi impossibile.  Comuni cittadini, imprenditori economici, operatori finanziari e governi sembrano fregarsene, spesso non ci credono o lo negano, o reagiscono con rabbia agli allarmi.

I paradigmi delle civiltà attuali sembrano impedirci di capire che siamo in pericolo e non riescono ad immaginarsi modelli economici e comportamentali diversi.  Tutte le grandi religioni e le ideologie politiche del 900 sono responsabili di aver causato il disastro ambientale in cui ci troviamo oggi, perché hanno sempre messo l’uomo al centro ed al di sopra di tutto il resto.

Che fare è già conosciuto e tanti eccellenti donne e uomini continuano a dircelo da tempo.  Il vero problema è che siamo bloccati dal vedere oltre i nostri bisogni personali e le nostre ambizioni di gruppi sociali.  Forse, se riuscissimo a ribaltare il nostro modo di vederci nel mondo, nell’universo e nella storia, potremmo riuscire a spezzare questa impasse suicida.  Per riuscire a farlo dobbiamo aprirci a tutta la conoscenza umana che va in questa direzione, senza alcun provincialismo.

In questa sfida le invenzioni tecnologiche del terzo millennio, per quanto strabilianti, non ci saranno di grande aiuto.  La nuova tecnologia ha migliorato la comunicazione ma non il pensiero;  ci salva da tante malattie, ma in una biosfera al collasso ci estingueremmo anche se sani;  ha reso più efficienti le armi e questo non è uno scherzo;  l’intelligenza artificiale si sta evolvendo cosi velocemente e con tale potenza che è molto probabile che finirà nelle mani di multinazionali e tiranni che la useranno contro di noi;  forse qualcuno riuscirà a traslocare su altri pianeti più inospitali del deserto per vivere come romiti in bunker sotterranei, ma non certo otto a dieci miliardi di umani entro qualche secolo o prima. Continua a leggere

Pubblicato in News

Lingue Native Americane in pericolo

Solo il 27% della popolazione Indiana Americana e dei Nativi d’Alaska parla la propria lingua ancestrale. Molte lingue sono in concreto rischio di estinzione.

Secondo l’Ufficio del Censimento degli Stati Uniti, nel 2013, le dieci lingue native americane con più parlanti erano:

Navajo, con 166.826 parlanti

Yupik, con 19.750

Dakota, con 17.855

Apache, con 13.445

Keres, con 13.190

Cherokee, con 11.465

Ojibwa, con 9.735

Choktow, con 9.735

Zuni, con 9.615

Pima, con 6.990

Se si considera che le lingue indiane sopravvissute al genocidio sono circa 200 si può facilmente comprendere quante di queste siano in estremo pericolo. Ad esempio: i parlanti Arikara sono poche decine e tutti molto anziani. I parlanti Lakota sono circa 1.500 e non sono certo giovanissimi. Si deve al Lakota Language Consortium, un’organizzazione senza scopo di lucro che ha sede a Rapid City (ND), l’organizzazione di corsi d’insegnamento della lingua ai giovani della tribù. L’obiettivo del Consorzio è di coinvolgere almeno 150 relatori che possano insegnare il Lakota affinché la lingua diventi nuovamente sostenibile.

Fortunatamente il problema della sopravvivenza delle lingue native è sentito anche da alcuni membri del Congresso degli Stati Uniti. Alla fine di gennaio il Senatore democratico del New Mexico Tom Udall, quale primo firmatario, ha presentato una proposta di legge (S. 256) alla commissione per gli Affari Indiani del Senato degli Stati Uniti contenente emendamenti al Native American Programs Act del 1974. Lo scopo della proposta di legge è garantire la sopravvivenza e la continua vitalità delle lingue dei nativi americani. A tale scopo, la proposta di legge prevede innanzitutto di rifinanziare la legge del 1974 con 13 milioni di dollari l’anno dal 2020 al 2024. Tali fondi sarebbero destinati a:

(1) supportare progetti di lingua nativa americana per riunire anziani e giovani nativi americani per facilitare e incoraggiare il trasferimento delle competenze linguistiche da una generazione all’altra;

(2) addestrare i nativi americani a insegnare una lingua nativa o consentire loro di servire come interpreti o traduttori di tale linguaggio;

(3) sviluppo, stampa e la diffusione di materiali da utilizzare per l’insegnamento e la valorizzazione di una lingua dei nativi americani;

(4) formare i nativi americani a produrre o partecipare a programmi televisivi o radiofonici da trasmettere in una lingua dei nativi americani;

(5) la registrazione di testimonianze orale per preservare una lingua dei nativi americani;

(6) l’acquisto delle attrezzature necessarie;

(7) fornire istruzione e assistenza all’infanzia attraverso l’uso di una lingua dei nativi americani per bambini di età inferiore ai 7 anni;

(8) assicurare che una lingua dei nativi americani sia il mezzo dominante di insegnamento dei nativi americani;

(9) programmi di recupero della lingua dei nativi americani;

(10) programmi di immersione linguistica dei nativi americani, campi di lingua e cultura nativi americani;

(11) programmi di formazione in lingua dei nativi americani per oratori fluenti;

(12) lo sviluppo di materiali in lingua nativa americana, come libri, strumenti audio-visivi e programmi multimediali interattivi.

MG

 

Pubblicato in News

GLI APACHE CHIEDONO AL PAPA CHE IL VATICANO SE NE VADA DA MONTE GRAHAM

Dzil Ncha Si An, così gli Apache chiamano il Monte Graham, significa “La grande montagna seduta”.

E’ una delle loro montagne sacre ed è stata violata con la costruzione di alcuni telescopi su una delle sue cime. Fra coloro che hanno costruito un telescopio sulla Montagna c’è anche la Specola vaticana.

Da anni, gli Apache chiedono che almeno la Chiesa mantenga ciò che a parole dichiara: i Popoli Indigeni devono essere rispettati.

Di seguito pubblichiamo, tradotte da Giovanni Panza, tre lettere.

La prima del 2016 scritta dai leader tradizionalisti della San Carlos Apache Tribe a Papa Francesco, rimasta priva di risposta.

La seconda dello scorso settembre del Center for Biological Diversity al Segretario del Cardinale O’Malley

la terza con la risposta alla seconda.

Gli Apache chiedono che il Vaticano ordini alla Specola di smantellare il telescopio e vorrebbero incontrare il Papa per spiegargli cosa significa per loro Monte Graham.

Lettera al Papa 13/08/2016

Lettera a Reverendo Robert T. Kickham Segretario al Cardinale O’malley del 14/09/2018

Risposta del 20/12/2018

PER SAPERNE DI PIU’:

Il Monte Graham e gli Apache

 

LEONARD PELTIER

L’International Leonard Peltier Defense Committee chiede, ancora una volta, di aiutare Leonard Peltier.

Di seguito riproduciamo quanto ricevuto e la relativa traduzione.

 

 

Dear Friends and supporters,

At our legal visit yesterday, Leonard told us that his case manager had submitted his request for a transfer on Wed, 1-2-19. He was cautiously excited and felt his transfer could happen within a few months BUT he didn’t rule out the fact that his transfer might have to be fought in the courts.

We put together this information for you to send letters of support for Leonard’s transfer. There are suggested letters, as well as points of information should you care to write your own letter.

Thank you for your support and if you get a return reply we would appreciate it if you would share it with us.

Sincerely,
ILPDC Board and National Office

Email, fax, call or write sample letters:

 

Email: GRA-DSC/PolicyCorrespondence@bop.gov
Phone: 972-352-4400
Fax: 972-352-4395

 

GRAND PRAIRIE OFFICE COMPLEX
346 MARINE FORCES DRIVE
GRAND PRAIRIE, TX, 75051

 

Sample Letter:

 

RE: LEONARD PELTIER REGISTER NUMBER 89637-132

 

To whom it may concern:

Leonard Peltier #89637-132 has requested a transfer from the facility at Coleman, Florida to the facility at Oxford, WI. I am writing to support Peltier’s transfer.

The reasons for transferring Peltier to Oxford include:

Oxford is approximately 1,300 miles closer to Peltier’s home and family.

 

Oxford is closer to the Native communities related to Peltier.

 

Peltier has multiple medical issues some extreme and potentially life threatening.

 

Oxford is in proximity to the Mayo Clinic and Federal Medical Clinic in Rochester.

Transfer from Coleman to Oxford is therefore consistent with the spirit and intent of BOP policy and will serve to allow more family visitation and improve medical services to Peltier. Therefore, the transfer should be permitted.

Sincerely,

 

 

 

 

or

Dear Madam/Sir;

I am writing to express my support for the transfer of Mr. Leonard Peltier 89637-132 to FCI Oxford WIS. Mr. Peltier is approaching his 75th birthday and had done over 44 years in Federal Custody. It is time that he be assigned a Federal facility closer to his family and an expert medical facility, like the Mayo Clinic.

The Oxford Facility is within a day’s drive for Mr. Peltier’s family in MN & ND and only 2 ½ hours from the Mayo clinic, which will provide the best health care necessary for the elder Mr. Leonard Peltier.

Thank you for considering Mr. Peltier’s request for a transfer to FCI in Oxford.

Sincerely,

 

 

 

Cari amici e sostenitori,

Durante la nostra visita legale di ieri, Leonard ci ha detto che il suo case manager (responsabile del suo caso) aveva presentato la sua richiesta di trasferimento mercoledì 2/1/2019. Era moderatamente entusiasta al pensiero che il suo trasferimento sarebbe potuto avvenire in pochi mesi, ma non escludeva il fatto che il suo trasferimento potesse essere discusso in tribunale.

Abbiamo raccolto queste informazioni per voi affinché vengano inviate lettere di supporto per il trasferimento di Leonard. Accludiamo schemi di lettere, così come informazioni, nel caso voi vogliate scrivere la lettera di vostro pugno.

Grazie per il vostro supporto e, se otterrete una risposta, vi saremmo grati se voleste condividerla con noi.

Cordiali saluti,
ILPDC Board e National Office

 

 

 

Oggetto:

LEONARD PELTIER REGISTER NUMBER 89637-132

 

A chi di competenza:

Leonard Peltier # 89637-132 ha richiesto un trasferimento dalla struttura di Coleman, in Florida, alla struttura di Oxford, Wisconsin. Sto scrivendo per supportare il trasferimento di Peltier.

Le ragioni per il trasferimento di Peltier a Overford includono i seguenti punti:
▪ Oxford è circa 1.300 miglia più vicino alla casa e alla famiglia di Peltier.
▪ Oxford è più vicina alle comunità native legate a Peltier.
▪ Peltier ha vari problemi medici gravi e potenzialmente letali.
▪ Oxford è in prossimità della Mayo Clinic e della Federal Medical Clinic di Rochester.

Il trasferimento da Coleman a Oxford è quindi coerente con lo spirito e l’intento della politica del BOP e servirà per consentire a Peltier maggiori visite dei familiari e a migliorare i servizi medici a suo favore. Pertanto, il trasferimento dovrebbe essere consentito.

Distinti saluti,

 

oppure:

 

Gentile Signora / Signore;

Sto scrivendo per esprimere il mio sostegno per il trasferimento di Mr. Leonard Peltier 89637-132 a FCI Oxford WIS. Il signor Peltier si sta avvicinando al suo 75 ° compleanno e ha trascorso oltre 44 anni in Custodia federale. È tempo che gli venga assegnata una struttura federale più vicina alla sua famiglia e una struttura medica esperta, come la Mayo Clinic.

L’Oxford Facility è a un giorno di viaggio per la famiglia di Mr. Peltier in MN e ND e solo 2 ore e mezza dalla clinica Mayo, che fornirà le migliori cure necessarie per l’anziano Mr. Leonard Peltier.

Grazie per aver esaminato la richiesta del Sig. Peltier per un trasferimento alla FCI di Oxford.

Cordiali saluti,

 

Pubblicato in News