La siccità salverà Oak Flat?

Durante questo 2021 abbiamo pubblicato diversi articoli relativi alla battaglia degli Apache per la salvaguardia di Oak Flat, uno dei loro luoghi sacri minacciato da un progetto di estrazione di rame. Gli Apache credono, infatti, che Oak Flat sia un “luogo benedetto” dove abitano Ga’an, guardiani o messaggeri tra la gente e Usen, il creatore.

Riprendiamo l’argomento sottolineando che, come spesso accade, la sacralità di un luogo non è ritenuta motivo sufficiente di protezione da chi ritiene che il sacro possa e debba essere confinato entro le mura di una chiesa. Ben sapendo che parlare di sacralità con chi di sacro conosce solo il denaro è spesso inutile, il Consiglio tribale della San Carlos Apache Tribe ha recentemente incaricato la società di consulenza ambientale L. Everett & Associates, che ha sede a Santa Barbara, in California, di effettuare uno studio sull’impatto che la progettata miniera di rame avrebbe sull’ambiente. Dallo studio, denominato The Proposed Resolution Copper Mine e Arizona’s Water Future, è emerso che l’enorme miniera, che verrebbe scavata sui monti Pinal, 60 miglia a est di Phoenix (Arizona), consumerebbe l’acqua sufficiente a rifornire per 40 anni una città di 140.000 persone. Si tratterebbe di migliaia di miliardi di litri di acque sotterranee sottratte agli usi civili proprio mentre l’Arizona deve affrontare riduzioni senza precedenti dell’approvvigionamento idrico di superficie causate dai cambiamenti climatici. Il potenziale massiccio prelievo di acque sotterranee necessarie per la coltivazione della miniera avverrebbe proprio quando le riserve idriche superficiali dell’Arizona vengono drasticamente ridotte. Infatti, il mese scorso, i gestori idrici federali hanno ridotto la quota d’acqua del fiume Colorado destinata all’Arizona. Questa prima riduzione colpisce principalmente gli agricoltori, ma le probabili riduzioni future colpiranno anche le aree urbane, facendo anche aumentare il costo della risorsa acqua.90

Un componente della L. Everett & Associates ha testimoniato davanti al Congresso sugli impatti profondi e di vasta portata della progettata miniera di rame sulle falde acquifere sotterranee della pianura desertica confinante con i monti Pinal. La relazione indica che i pozzi privati nella contea di Pinal si stanno già prosciugando a causa della siccità e ha sottolineato la gravità degli impatti che ciò sta già avendo sulla Tonto National Forest e sulle falde acquifere nelle vicinanze del sito della miniera. Inoltre la miniera esaurirebbe la falda acquifera di Apache Tuff che rifornisce i torrenti della zona. E poiché, come per tutte le operazioni minerarie in Arizona, anche questa miniera sarebbe esente dalle normative statali sul prelievo delle acque sotterranee, la miniera potrebbe teoricamente pompare una quantità d’acqua illimitata.

A questo punto gli Apache sperano che la proposta di legge denominata Save Oak Flat Act sia approvata dalla Camera dei Rappresentanti al più presto. Nell’attesa gli attivisti di Apache Stronghold, un’organizzazione no-profit che lavora per proteggere il sito sacro di Oak Flat, stanno preparando un convoglio spirituale diretto a San Francisco, dove un tribunale ascolterà un appello che il gruppo ha presentato per impedire che la terra di Oak Flat sia trasferita alla Resolution Copper, la società di proprietà del gigante minerario anglo-australiano Rio Tinto che è interessata allo sviluppo della miniera di rame. I membri di Apache Stronghold prenderanno parte sabato 9 ottobre a una giornata di preghiera a Oak Flat prima di incontrare i leader della Tohono O’odham Nation, che offriranno una benedizione e una preghiera per il loro viaggio che inizierà il 13 ottobre ed effettuerà diverse soste per incontrare le comunità dei nativi americani e i leader religiosi dei Salt River Pima-Maricopa, vicino a Phoenix; dei Wishotoyo Chumash, nella regione di Los Angeles; e la colonia indiana Elem degli indiani Pomo; prima dell’udienza californiana del 22 ottobre.AP4476325276530220

Chi vide in America gli edifici costruiti dai giganti?

Un gruppo di ricerca dell’Università Statale di Milano, studiando un manoscritto del 1340, la Cronica Universalis, scritta a Milano dal domenicano Galvano Fiamma, e ora di proprietà di un cittadino statunitense, vi ha trovato una citazione dell’America risalente a 152 prima della “scoperta” di Cristoforo Colombo.

Com’è noto, prima di Colombo, le esplorazioni sulle coste settentrionali dell’Atlantico erano già state compiute nei secoli precedenti da navigator vichinghi, di cui si trovano sporadiche tracce nei racconti di alcune saghe norrene e alcuni ritrovamenti archeologici che lo confermano. Fino a oggi, tuttavia, la notizia dell’esistenza di terre al di là dell’Atlantico non era mai stata rinvenuta in documenti antichi in area mediterranea.

La traduzione italiana del passaggio di Galvano, scritto originariamente in latino, che menzione l’America recita: “I marinai che percorrono i mari della Danimarca e della Norvegia dicono che oltre la Norvegia, verso settentrione, si trova l’Islanda. Più oltre c’è un isola detta Grolandia…; e ancora oltre, verso occidente, c’è una terra chiamata Marckalada. Gli abitanti del posto sono dei giganti: lì si trovano edifici di pietre così grosse che nessun uomo sarebbe in grado di metterle in posa, se non grandissimi giganti. Lì crescono alberi verdi e vivono moltissimi animali e uccelli. Però non c’è mai stato nessun marinaio che sia riuscito a sapere con certezza notizie su questa terra e sulle sue caratteristiche”.

I ricercatori della Statale ritengono probabile che la notizia fosse giunta a Galvano da Genova, città con cui lo scrittore aveva contatti, e che i marinai di cui si parla siano navigatori genovesi che commerciavano con le regioni del nord. Secondo gli autori della scoperta, l’interesse della stessa sta nel fatto che riapre una questione lungamente dibattuta, ma sulla quale non vi era nessuna documentazione: se a Genova, prima di Colombo, circolassero informazioni sull’esistenza di terre oltre l’Atlantico, e se una eventuale notizia, anche vaga, della loro esistenza avesse reso più accettabile il rischio della spedizione del 1492. E’ tuttavia noto che Colombo navigò fino alle isole britanniche e che forse giunse fino alle Far Oer. Avrebbe quindi potuto ascoltare direttamente la notizia dell’esistenza di terre oltre l’Atlantico.

A noi, modestamente, pare che il vero interesse sia un’altro e che sia collegato alla questione dei “giganti”. Poiché, al momento, non risultano noti edifici megalitici siti nell’America settentrionale, l’unica spiegazione per gli “edifici di pietre così grosse che nessun uomo sarebbe in grado di mettere in posa” è che chi riportò la notizia avesse visto con i suoi occhi gli edifici eretti dalle civiltà mesoamericane o dagli Inca. E, di conseguenza, qualche europeo avrebbe dovuto viaggiare ben oltre le coste settentrionali dell’America e poi tornare per riferirne. Molto prima di Colombo.

 

Pubblicato in News

La sacra grotta degli Osage

Una grotta del Missouri, contenente opere d’arte dei Nativi Americani risalenti a oltre 1.000 anni fa, è stata venduta all’asta ieri 14 settembre 2021, con grande sconcerto dei membri della Nazione Osage che speravano di poter acquistare la terra dove si trova la grotta per proteggere e preservare il loro sito più sacro. La grotta, che era il luogo dei riti e della sepoltura dei morti, conserva circa 290 glifi e disegni policromi raffiguranti persone, animali, uccelli e creature mitiche. Nel XVIII secolo gli esploratori europei che visitarono la grotta vi incisero i nomi di alcuni membri dell’equipaggio sulle pareti. La grotta è anche la casa dei pipistrelli grigi dell’Indiana, una specie in via di estinzione.

image.picto.PictureCaveRH

Il terreno, di 43 acri, che apparteneva a una famiglia di St Louis dal 1953 che lo utilizzava a scopo venatorio, è stato venduto per 2,2 milioni di dollari, si trova vicino alla città di Warrenton, circa 100 km a ovest di St Louis. La Nazione Osage, in un comunicato, ha definito la vendita una cosa straziante, ricordando che i loro antenati hanno vissuto in questa zona per 1.300 anni.

La legge dello Stato del Missouri afferma che qualsiasi persona o entità che disturba, distrugge, vandalizza o danneggia consapevolmente un luogo di sepoltura umano contrassegnato o non contrassegnato commette un crimine. Anche trarre profitto da beni culturali è vietato. Ciò fa sperare alla Nazione Osage che anche il nuovo proprietario rispetti il loro luogo sacro.

f_21054307_01

 

Pubblicato in News

NOTIZIE DALLE HAWAI’I

Del perché e come uno stato sovrano, qual’era il Regno delle Hawaii, sia diventato il 50° stato degli Sati Uniti d’America si è ampiamente detto in tre articoli, rispettivamente del 7 settembre e del 21 maggio 2018 e del 12 aprile 2016, pubblicati su questo sito. A essi vi rimandiamo anche per la storia delle lotte condotte del popolo Hawaiiano per la propria libertà.

Qui ricordiamo solo che, nel 2018, il dott. DeZayas, Relatore Speciale del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, arrivò alla conclusione che le Hawaii sono tuttora uno Stato sotto occupazione militare e che gli Stati Uniti, la potenza straniera occupante, dovrebbero amministrarlo in base alle leggi proprie dello Stato occupato, cioè il Regno delle Hawai’i. Scrive il dott. DeZayas: “Sono giunto a comprendere che lo status giuridico legittimo delle isole hawaiane è quello di uno Stato-nazione sovrano in continuità; ma uno Stato-nazione che è sotto una strana forma di occupazione da parte degli Stati Uniti derivante da un’occupazione militare illegale e da un’annessione fraudolenta. Pertanto, le leggi internazionali (le Convenzioni di Ginevra e dell’Aja) richiedono che il governo e le questioni legali all’interno del territorio occupato delle isole hawaiane debbano essere amministrate applicando le leggi dello Stato occupato (in questo caso il Regno delle Hawai’i) e non le leggi nazionali dell’occupante (gli Stati Uniti)”.

dove-andare-hawaii

Trascurando le innumerevoli implicazioni e conseguenze di questo stato delle cose, qui s’intende evidenziare un particolare aspetto delle conseguenze dell’occupazione e della imposizione di leggi aliene al popolo del Regno delle Hawaii.

Nel 1920, circa 40 anni prima che le isole venissero illegalmente ammesse come Stato negli Stati Uniti, fu varata una legge, l’Hawaiian Homes Commission Act (HHCA), che riservava circa 81.000 ettari di terre pubbliche sulle isole per i nativi Hawaiani con almeno il 50 per cento di sangue hawaiano. Poiché la superficie complessiva delle isole è di circa 2,8 milioni di ettari si comprende come la terra riservata ai nativi sia veramente poca cosa. In base all’HHCA le famiglie che ottengono i contratti di locazione possono trasmetterli ai loro discendenti purché abbiano almeno un quarto di sangue hawaiano. Fu, in questo modo, arbitrariamente esteso agli Hawaiiani il sistema delle cosidette Blood quantum laws escogitato almeno due secoli prima per gli Indiani d’America.

Ad ogni modo, ai sensi del HHCA, 9.949 famiglie Hawaiiane ottennero della terra in affitto dal governo americano. Ma, mentre la prima generazione dopo quella che ottenne la terra, è riuscita a mantenerla in base ai requisiti della quantità di sangue, gran parte della prossima generazione non li soddisferanno e le terre torneranno allo Stato piuttosto che passare alle generazioni successive. Secondo un sondaggio del 2020, più della metà degli attuali 9.949 locatari nativi Hawaiani, se i loro figli non sposano altri nativi Hawaiani, potrebbero perdere le terre, le migliorie agricole da essi apportate e le loro case entro le prossime due generazioni.

Nel 2017, lo Stato delle Hawaii ha scoperto che sempre meno nativi Hawaiani hanno il quantitativo di sangue richiesto a causa dei matrimoni interrazziali e che ciò impedirà loro di subentrare ai loro padri o nonni. Secondo il sondaggio, quasi la metà degli affittuari ha più di 65 anni e oltre il 50% di loro non ha eredi con il quantitativo di sangue richiesto. Per questo motivo è stato predisposto un disegno di legge federale che dovrebbe abbassare il blood quantum da ¼  a 1/32. Ma se anche questa legge passasse non risolverebbe il problema di tutti coloro che non hanno ricevuto in affitto la terra che era stata loro promessa.

Al 30 giugno 2021, secondo il Department of Hawaiian Home Lands (DHHL), l’agenzia statale che gestisce la terra, c’erano ancora 28.792 nativi Hawaiani in lista d’attesa. Un’indagine ha rilevato che al ritmo con cui il DHHL ha assegnato i contratti di locazione dal 1995 a oggi, ci vorrebbero quasi 182 anni solo per esaurire l’attuale lista d’attesa la quale non comprende i circa 2.000 nativi Hawaiani che sono morti nel frattempo.

Si tenga presente che, secondo i risultati dell’ultimo censimento, i nativi Hawaiiani che si sono dichiarati solo tali sono circa 100.000 con un tasso di povertà superiore al 20%. Ci sono poi, come detto, molti sangue misti il cui numero non è ancora stato ufficializzato dall’Ufficio del Censimento e fra quelli ci sono i discendenti degli affittuari e delle persone in lista d’attesa.hanauma-bay-e-perfetta-per-lo-snorkelling-hawaiicl-445

Pubblicato in News

Primi risultati del censimento americano. Gli Indiani d’America sono 9,6 milioni

Iniziano a essere pubblicati i dati del censimento generale della popolazione effettuato negli Stati Uniti nel 2020.

Il Census Bureau ha ricordato che i dati raccolti si basano sull’auto identificazione razziale ed etnica delle persone. Noi ricordiamo che gli Stati Uniti d’America si distinguono, unici fra tutti i paesi del cosiddetto occidente, per la classificazione razziale della loro popolazione.

Fra le altre finalità, i dati demografici sono utilizzati per ridisegnare i 429 distretti della Camera degli Stati Uniti in 44 stati e 7.383 distretti legislativi statali. Gli stessi dati servono anche per determinare l’entità delle risorse destinate ai programmi federali relativi agli indiani e per questo moltissimi leader tribali fecero una campagna insistente per convincere quanti più indiani possibile a rispondere alle domande del censimento, e il risultato è stato notevole.

A fronte della popolazione degli Stati Uniti che risulta essere di 331 milioni, con un incremento del 7,4 % sul 2010, la popolazione indiana americana e dei nativi dell’Alaska è aumentata dai 5,2 milioni censiti nel 2010 ai 9,6 milioni del 2020, con un aumento dell’86,5%. Questo fa sì che gli indiani d’America e i nativi dell’Alaska rappresentino oggi il 2,9% del totale. Un incremento di così ampia portata non può spiegarsi solo con il naturale incremento demografico. Come accade da diversi anni, sempre più persone percepiscono la propria identità indigena come un valore di cui essere fieri e, di conseguenza, manifestano questo stato d’animo auto dichiarandosi indiani.

Più in dettaglio:

– 3,7 milioni di persone si sono identificate unicamente come indiani d’America e nativi dell’Alaska.

– 5,9 milioni di persone si sono identificate come indiani d’America e nativi dell’Alaska in combinazione con un’altra razza o con più razze.

Il numero di persone che si sono identificate come bianchi, indiani d’America e nativi dell’Alaska è cresciuto da 1,4 milioni del 2010 a 4 milioni nel 2020.

I nativi hawaiani, da soli e in combinazione con altre razze, sono risultati essere 1,6 milioni.

Oggi gli indiani d’America e i nativi dell’Alaska da soli, cioè non in combinazione con altre razze, sono, dopo i bianchi, il secondo gruppo razziale più grande in diversi stati:

– Alaska – 14,8%

– Sud Dakota – 8,4 %

– Montana – 6,6 %

– Nord Dakota – 4,8 %