Continua la lotta per salvare le lingue indiane

Per molti anni, l’anziana Kiowa Dorothy Whitehorse DeLaune ha lavorato con membri tribali e studiosi di studi nativi per sostenere la lingua, la cultura e la storia del Kiowa. La gente la chiama ogni settimana con domande su come dire qualcosa nella lingua Kiowa. Passa il tempo a leggere e ricordare tutto ciò che può in modo da poterlo condividerlo con le giovani generazioni. “Dobbiamo sbrigarci, prima che sia troppo tardi”, dice. “C’è molto lavoro da fare e non molti di noi sono ancora in grado di farlo”.

È stato il sogno di Dorothy di creare uno spazio pubblico online per ospitare la conoscenza culturale Kiowa custodita da questa generazione di anziani. “Siamo davvero gli ultimi allevati da parlanti fluenti che hanno ancora un forte legame con la cultura tradizionale. Abbiamo imparato direttamente da loro. “

5A-black-leggings-45-x-full

Grazie a una borsa dell’Oklahoma Humanities Councile al sostegno dell’Oklahoma Regional Writing Project, un’organizzazione senza scopo di lucro sponsorizzata dall’University of Oklahoma Writing Center, il sogno di Dorothy si è avverato.

Il sito web, che può essere trovato su kiowatalk.org, offre attualmente oltre 250 video della Sig.ra DeLaune che condividono parole, frasi e frasi nella lingua Kiowa. Il sito contiene anche video della signora DeLaune che racconta storie e canta canzoni. Suo padre, “Charley” Whitehorse, salvò molte di queste canzoni a memoria negli anni ’20. Il governo federale proibì le canzoni e le danze cerimoniali dei nativi americani durante questo periodo. I leader cerimoniali e i tradizionalisti erano puniti se colti in flagrante. “Ma loro non hanno mai smesso di ballare, però”, spiega Dorothy. “Hanno ballato in segreto durante la notte. Hanno resistito nonostante la minaccia della punizione, perché mantenere viva la cultura era più importante per loro “.

Il sito Web di kiowatalk.org utilizza la tecnologia digitale per offrire un nuovo modo di sostenere la cultura Kiowa, raggiungere un pubblico più ampio di membri tribali Kiowa e chiunque altro sia interessato all’apprendimento.

“Ogni giorno penso a più cose da aggiungere, più parole, canzoni e storie da registrare”, afferma la signora DeLaune. “Continueremo a farlo il più a lungo possibile, e vogliamo che altri siano coinvolti.”

4a9749d63558cc6e6d4c9683a751138b

I commenti sono chiusi.