Una Corte federale blocca il gasdotto Keystone XL

Due giorni dopo la sua presidenza, Donald Trump firmò un ordine esecutivo per approvare la costruzione del gasdotto Keystone XL e del Dakota Access Pipeline. Giovedì scorso, un giudice federale ha deciso di bloccare temporaneamente la costruzione del gasdotto Keystone XL, affermando che l’amministrazione Trump non aveva adeguatamente motivato la sua decisione di concedere il permesso.

Il presidente Barack Obama aveva respinto il progetto da 8 miliardi di dollari alla fine del 2015, ma il presidente Trump annullò le decisione nel marzo 2017 e il Dipartimento di Stato ha concesso a TransCanada un permesso per la costruzione. Ma dopo la decisione nel Montana dell’ 8 novembre, il Keystone XL Pipeline – un oleodotto lungo 1.200 miglia che collegherebbe il greggio delle sabbie bituminose del Canada alle raffinerie sulla costa del Golfo del Texas – è ora nuovamente nel limbo.

La decisione, presa dal giudice Brian Morris del tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto del Montana, non blocca permanentemente il permesso. Tuttavia, l’amministrazione Trump deve rivedere i potenziali impatti negativi relativi al cambiamento climatico, alle risorse culturali e alle specie in via di estinzione. Considerando il licenziamento delle prove asserito dall’amministrazione, l’inversione della decisione da parte di Morris è una battaglia in salita. Secondo l’ordine del tribunale di Morris, l’uso da parte del governo statunitense di una revisione ambientale del 2014 per giustificare il permesso presidenziale ha violato la legge sulla politica ambientale, la legge sulle specie in via di estinzione e la legge sulla procedura amministrativa.

In breve, il lavoro deve fermarsi.Unknown-1

“La Corte esige che i Convenuti Federali e TransCanada non intraprendano alcuna attività a sostegno della costruzione o della gestione di Keystone e delle strutture associate”, dicono i documenti del tribunale, “fino a quando il Dipartimento non ha completato un supplemento al SEIS 2014 (Supplemental Environmental Impact Statement) che è conforme ai requisiti della NEPA e dell’APA. ” Morris ha citato l’amministrazione Trump ignorando i fatti relativi agli “impatti legati al clima” e che il Dipartimento di Stato “ha semplicemente scartato i risultati fattuali precedenti relativi ai cambiamenti climatici per sostenere la sua inversione di rotta”. Inoltre, secondo Morris il Dipartimento di Stato non ha “analizzato le emissioni cumulative di gas serra” e “ha agito in merito a informazioni incomplete riguardo al potenziale danno ai territori indiani”. “Un’agenzia non può semplicemente ignorare le determinazioni fattuali contrarie o sconvenienti che ha fatto in passato, così come non può ignorare i fatti scomodi”, ha affermato Morris. Jackie Prange, avvocato senior presso il Natural Resources Defense Council, ha dichiarato al Washington Post: “È emblematico ciò che stiamo vedendo con l’amministrazione Trump, che è un’inversione molto veloce e sciatta delle decisioni precedenti … in un modo che non aderire allo stato di diritto “, ha detto Prange The Post. “Ecco perché continuiamo a vincere in tribunale”.

I commenti della rete ambientale indigena

Unknown-2

L’Indigenous Environmental Network, uno dei querelanti del caso a fianco della North Coast River Alliance e del Northern Plains Resource Council, è ricorso ai social media poco dopo la decisione presa giovedì. Hanno anche pubblicato una dichiarazione di alcuni dei leader delle organizzazioni sul loro sito web di Indigenous Rising, oltre a nominare i cinque punti citati da Morris che hanno portato a una decisione nel favore dei querelanti.

Il giudice Morris ha stabilito che l’approvazione del gasdotto KXL ha violato la National Environmental Policy Act (NEPA) e la legge sulla procedura amministrativa perché:

– Il presidente Trump ha ignorato le precedenti constatazioni di fatto dell’ex segretario di Stato John Kerry secondo cui il gasdotto KXL avrebbe ingiustamente aggravato il cambiamento climatico.

– manca un’indagine adeguata sulle risorse culturali dei nativi americani che sarebbero state danneggiate dal gasdotto.

– manca una valutazione adeguata, tramite modelli di simulazione, delle potenziali fuoriuscite di petrolio e il loro impatto sulle risorse idriche.

– manca l’analisi degli effetti cumulativi di questo progetto sulle emissioni di gas serra.

– manca una valutazione degli effetti degli attuali prezzi del petrolio sulla redditività del progetto.

Le seguenti dichiarazioni sono state rilasciate dai membri della rete ambientale indigena:

Tom Goldtooth, direttore esecutivo per la rete ambientale indigena

“Questa è una vittoria per Lakota, Oceti Sakowin e altre nazioni tribali, per l’acqua e per la sacralità della Madre Terra. Questa decisione conferma ciò che abbiamo sempre detto: l’approvazione di Trump di questo gasdotto era illegale, violava le leggi ambientali e si basava su fatti falsi. La nostra lotta legale è stata per il beneficio di tutta la vita lungo il percorso proposto di questo gasdotto canadese di sabbia bituminosa. Questo oleodotto è il nemico delle persone e della vita come lo conosciamo. Deve essere fermato. Continueremo le nostre preghiere ad agire per combattere l’amministrazione Trump in difesa del sacro, per proteggere i diritti degli indigeni, per difendere i nostri territori del trattato e per difendere la prosecuzione delle prossime sette generazioni di vita sulla Madre Terra, libere dai combustibili fossili. ”

Joye Braun, IEN Frontline Community Organizer, Cheyenne River Sioux Nation

“Abbiamo combattuto contro questo oleodotto con le unghie e con i denti ed è una grande affermazione sapere che questo giudice è d’accordo con noi. Il permesso del presidente Trump era completamente illegale e contrario alla procedura corretta. Per la nostra gente, è sempre stata una questione di no: nessun consenso, nessuna conduttura. Continueremo a lottare per la nostra sovranità come nazioni, i nostri siti culturali e storici, per la sicurezza della nostra gente dai campi dell’uomo e per la medicina sacra che è l’acqua. Combatteremo e vinceremo. “

Waniya Locke, People Over Pipelines, Grassroots Of Standing Rock

“Uno dei primi atti presidenziali di Trump è stato quello di approvare il gasdotto Dakota Access, una violenza al nostro popolo pacifico. Quindi sono felice di vedere che Trump viene controllato, che la sua approvazione di Keystone XL è stata annullata e che dovrà rivalutare gli effetti di questo gasdotto sulla terra e sui siti culturalmente significativi. E’ incredibile, ma dalle praterie aperte alle aule dei tribunali, i nostri antenati e luoghi sacri ci stanno proteggendo. “

Lewis Grassrope, Wiconi un Tipi Camp a Lower Brule, South Dakota

“Attraverso le nostre preghiere, ci siamo battuti per il bene più grande della nostra gente. Oggi una di quelle preghiere è stata esaudita con questa decisione su Keystone XL, ma dobbiamo ancora mantenere la rotta per tenere il nostro popolo al riparo da qualsiasi atto atroce che possa influire sulle nostre vite e sui mezzi di sostentamento. “

Manape LaMere, rappresentante del governo della nazione Sioux degli indiani e dei capi birmani dell’islam di Bdewakantowan

“Supportandoci l’un l’altro dopo Standing Rock e portando consapevolezza in tutto il nostro territorio, abbiamo inferto un duro colpo all’amministrazione Trump. Continuiamo a pregare e a mettere in atto quelle preghiere attraverso l’azione, che questo progetto KXL rimanga in agonia fino a quando non possiamo veramente rivendicare la vittoria finale “.

Traduzione di Vittorio Delle Fratte per l’Associazione “Il Cerchio”

I commenti sono chiusi.