Report: violazione diritti umani e tortura al lonko Viktor Queipul durante operazione di polizia a Temucuicui


Come associazione di osservatori umanitari da anni ci stiamo occupando di ciò che accade nel Wallmapu, i territori Mapuche colonizzati e inglobati da Cile e Argentina. In queste zone è in corso una lotta del popolo Mapuche per recuperare autonomia territoriale e amministrativa e riappropriarsi delle terre rubate da coloni europei e statunitensi con l’avallo di Cile e Argentina, interessati a rendere produttive le grandi aree dove vivevano i mapuche e sfruttarne le ingenti risorse naturali e minerali.

Nell’ambito di queste rivendicazioni lo stato Cileno sta reprimendo duramente le comunità Mapuche. In tale scenario si inseriscono altri attori, come le forze di polizia, spesso fortemente anti-Mapuche e sollecite in condurre attacchi talvolta omicidi, e gruppi paramilitari come il Comando Trizano, composto principalmente da coloni latifondisti, estremisti di destra e gente legata al grande impresariato agricolo e forestale, colpevoli di numerosi atti criminali contro leader Mapuche.

HospitalizadaIl 14 di giugno, durante una operazione di polizia per recuperare un presunto trattore rubato che si trovava in una fattoria in prossimità del territorio della Comunità Autonoma di Temucuicui, almeno 20 mezzi blindati della polizia hanno attaccato la comunità. Durante l’attacco una donna e un neonato sono rimasti intossicati dai gas lacrimogeni, sparati direttamente veso le case, finendo all’ospedale per asfissia.

lonko saliendo de comisaria de traiguienIl lonko (capo politico) della comunità, dopo aver ricevuto lo sparo di un lacrimogeno in peino petto, è stato sequestrato da individui in borghese, armati e al seguito dei carabinieri. Non è stato possibile risalire alla loro identità. Il lonko è stato legato ai polsi con una corda, tirato sul retro di un veicolo non militare, trasportato in segreto nel mezzo di una piantagione di aecalipto, con gli occhi bendati, torturato e minacciato di morte. Rimasto desaparecido tutta la notte è riapparso la mattina successiva, infangato, dolorante ma fortunatamente ancora vivo.

Di seguito il report sulla vicenda che stiamo inviando alle varie commissioni internazionali per i diritti umani.

El informe en lengua española  <–

Il report in lingua italiana  <–

I commenti sono chiusi.